Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘zucca’

La festa più spaventosa ma anche divertente dell’anno è arrivata. E io non mi sono fatta trovare impreparata…

halloween2blog halloween_blog

halloween3_blog

Ho ricamato infatti questi schemi di Lizzie Kate e realizzato questa simpatica zucca di Elisabetta di Raccolto d’autunno, un progetto di qualche anno fa pubblicato su Casa Creativa.

halloween4_blog halloween5_blog

Non potevano poi mancare la classica lanterna…

halloween7_blog

e una torta a tema…

halloween6_blog

E allora… Happy Halloween!!!

halloween8_blog

P.S. Belle le mie calze, vero? Ora devo scappare, la mia scopa mi aspetta! 🙂

Annunci

Read Full Post »

UN PO’ DI STORIA…

Molti pensano ad Halloween come ad una festa americana, in realtà questa ricorrenza è legata al passato della maggior parte dei popoli europei. La nascita della festa viene fatta infatti risalire al 4000 a.C., ed è legata alla transumanza del bestiame. Nel periodo fra ottobre e novembre la terra si prepara all’inverno ed era necessario – allora come adesso – ricoverare il bestiame in un luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza. L’evento era festeggiato con canti e danze intorno al fuoco.

LA CELTICA SAMHAIN
I Celti, in particolare, festeggiavano la fine dell’estate con Samhain, il capodanno. In gaelico Samhain significa infatti fine dell’estate. In quest’occasione i celti accendevano numerosissimi falò, accompagnati da canti festosi e da rituali divinatori: il fuoco era in fatti considerato l’elemento purificatore per eccellenza: non solo in quanto dispensatore di luce e di calore, ma perchè catalizzatore di energie positive. Questo giorno – che cadeva il 1° Novembre, ma i festeggiamenti partivano dal 31 ottobre – segnava un confine tra due periodi dell’anno molto diversi (estate e inverno) e, nella concezione circolare del tempo caratteristica di questa cultura, non apparteneva né all’anno vecchio e neppure al nuovo: era come un “cancello” tra il mondo dei vivi e quello dei morti, così gli spiriti dei defunti potevano tornare nelle proprie case per scaldarsi e rifocillarsi. Si era soliti lasciare per loro del cibo sulla tavola in segno di accoglienza per quanti facessero visita ai vivi: da qui l’usanza del trick-or-treating, “dolcetto o scherzetto”. Riti propiziatori per il nuovo anno, culto dei morti e credenze magiche si fondevano insieme nella celebrazione in una notte che non aveva nulla di pauroso, anzi: era la più lunga e gioiosa dell’anno, una festa di pace e amicizia. Il cristianesimo tentò di incorporare le vecchie festività pagane dando loro una connotazione compatibile con il suo messaggio. Il 13 maggio 610 Papa Bonifacio IV istituì la festa di tutti i santi: nella festa, celebrata ogni anno in quello stesso giorno, venivano onorati i cristiani uccisi in nome della fede. Per oltre due secoli le due festività procedettero affiancate, sino a che papa Gregorio III, nel 731, ne fece coincidere le date. Secondo altre fonti, fu invece Sant’Odilone di Cluny che nel 1048 decise di spostare la celebrazione cattolica all’inizio di novembre al fine di detronizzare il culto di Samhain. L’Ognissanti fu spostata così dal 13 maggio al 1 novembre per dare ai cristiani l’opportunità di ricordare tutti i santi e, il giorno dopo, tutti i cristiani defunti. Il termine inglese “Halloween” deriva infatti da “All Hallows” cioè “tutti i santi”. Diventa poi “All Hallows Eve”, cioè la vigilia di Ognissanti, ed infine “Halloween”.

halloween_facebook

L’ITALIA
Queste usanze e credenze ci diffusero anche nel nord Italia, con la dominazione celtica, ma con l’avvento del cristianesimo esse furono dimenticate. In questi ultimi la festa di Halloween sembra aver preso piede anche in Italia e si crede “importata” dall’America (in cui, importata dagli immigrati europei, prese la connotazione di “notte degli scherzi” o “notte del diavolo” ed è diventata oggi un affare commerciale): ma la complessa ritualità legata ai morti era un tempo tradizione ben viva nelle nostre campagne. L’uso di zucche (“Jack-o-lantern”, la zucca svuotata e tagliata come una faccia malvagia con una candela all’interno, il simbolo di Halloween più conosciuto) contro gli spiriti maligni è tipicamente americana, ma l’uso di rape vuote illuminate è documentato in alcune località del Piemonte, della Campania, del Friuli, dell’Emilia-Romagna e dell’alto Lazio. Nelle case di tutto l’arco alpino si era soliti attendere l’arrivo dei defunti intorno ad un lauto banchetto. Proprio come facevano i Celti. In Italia quindi, parlare di Halloween significa attuare una riscoperta!

E come festeggiare degnamente questo giorno se non son qualche dolcetto?

Ecco qui i miei cupcake alla zucca aromatica:

2221 2222

… sono buonissimi!!!!

2223

2225

E questi sono i miei biscottini speziati…

2226

Anche per oggi è tutto, vado ad accendere la mia zucca… 🙂 Happy Halloween!

Read Full Post »

Molti pensano ad Halloween come ad una festa americana, in realtà questa ricorrenza è legata al passato della maggior parte dei popoli europei. La nascita della festa viene fatta infatti risalire al 4000 a.C., ed è legata alla transumanza del bestiame. Nel periodo fra ottobre e novembre la terra si prepara all’inverno ed era necessario – allora come adesso – ricoverare il bestiame in un luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza. L’evento era festeggiato con canti e danzeintorno al fuoco.

LA CELTICA SAMHAIN
I Celti, in particolare, festeggiavano la fine dell’estate con Samhain, il capodanno. In gaelico Samhain significa infatti fine dell’estate. In quest’occasione i celti accendevano numerosissimi falò, accompagnati da canti festosi e da rituali divinatori: il fuoco era in fatti considerato l’elemento purificatore per eccellenza: non solo in quanto dispensatore di luce e di calore, ma perchè catalizzatore di energie positive. Questo giorno – che cadeva il 1° Novembre, ma i festeggiamenti partivano dal 31 ottobre – segnava un confine tra due periodi dell’anno molto diversi (estate e inverno) e, nella concezione circolare del tempo caratteristica di questa cultura, non apparteneva né all’anno vecchio e neppure al nuovo: era come un “cancello” tra il mondo dei vivi e quello dei morti, così gli spiriti dei defunti potevano tornare nelle proprie case per scaldarsi e rifocillarsi. Si era soliti lasciare per loro del cibo sulla tavola in segno di accoglienza per quanti facessero visita ai vivi: da qui l’usanza del trick-or-treating, “dolcetto o scherzetto”. Secondo la leggenda, nella notte di Samhain si potevano vedere anche fate ed elfi, che erano soliti fare scherzi agli uomini: questo ha portato alla nascita e al perpetuarsi di molte altre storie terrificanti. Riti propiziatori per il nuovo anno, culto dei morti e credenze magiche si fondevano insieme nella celebrazione in una notte che non aveva nulla di pauroso, anzi: era la più lunga e gioiosa dell’anno, una festa di pace e amicizia. Il cristianesimo tentò di incorporare le vecchie festività pagane dando loro una connotazione compatibile con il suo messaggio. Il 13 maggio 610 Papa Bonifacio IV istituì la festa di tutti i santi: nella festa, celebrata ogni anno in quello stesso giorno, venivano onorati i cristiani uccisi in nome della fede. Per oltre due secoli le due festività procedettero affiancate, sino a che papa Gregorio III, nel 731, ne fece coincidere le date. Secondo altre fonti, fu invece Sant’Odilone di Cluny che nel 1048 decise di spostare la celebrazione cattolica all’inizio di novembre al fine di detronizzare il culto di Samhain. L’Ognissanti fu spostata così dal 13 maggio al 1 novembre per dare ai cristiani l’opportunità di ricordare tutti i santi e, il giorno dopo, tutti i cristiani defunti. Il termine inglese “Halloween” deriva infatti da “All Hallows” cioè “tutti i santi”. Diventa poi “All Hallows Eve”, cioè la vigilia di Ognissanti, ed infine “Halloween”.

L’ITALIA
Queste usanze e credenze ci diffusero anche nel nord Italia, con la dominazione celtica, ma con l’avvento del cristianesimo esse furono dimenticate. In questi ultimi la festa di Halloween sembra aver preso piede anche in Italia e si crede “importata” dall’America (in cui, importata dagli immigrati europei, prese la connotazione di “notte degli scherzi” o “notte del diavolo” ed è diventata oggi un affare commerciale): ma la complessa ritualità legata ai morti era un tempo tradizione ben viva nelle nostre campagne. L’uso di zucche (“Jack-o-lantern”, la zucca svuotata e tagliata come una faccia malvagia con una candela all’interno, il simbolo di Halloween più conosciuto) contro gli spiriti maligni è tipicamente americana, ma l’uso di rape vuote illuminate è documentato in alcune località del Piemonte, della Campania, del Friuli, dell’Emilia-Romagna e dell’alto Lazio. Nelle case di tutto l’arco alpino (ma anche oltre, come testimonia il bel racconto di come Alice) si era soliti attendere l’arrivo dei defunti intorno ad un lauto banchetto. Proprio come facevano i Celti. In Italia quindi, parlare di Halloween significa attuare una riscoperta.

Read Full Post »