Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘primavera’ Category

Buona Pasqua

Caspita, ma passiamo dalla neve alla primavera, anzi, alla Pasqua su questo blog? Ebbene sì, gli scorsi mesi sono stati un po’ “burrascosi” (varicella di mio figlio e… mia!!!) e pieni di impegni vari, il tempo è proprio volato!
Nel frattempo la primavera è arrivata e il mio giardino è in tutto il suo splendore… Questo è il mio angolo preferito, in cui rilassarsi e lavorare a maglia:

E questi sono i miei tulipani preferiti!

Vediamo di recuperare il tempo perduto mostrandovi che cosa ho “prodotto”: non molto, in verità… 🙂

Un paio di lavori a maglia, che hanno richiesto un discreto impegno…

Lo scialle si chiama “Close to you” e viene da Ravelry, questo è il link mentre il poncho a ventagli l’ho trovato qui.

Non poteva mancare un cuscinetto dedicato alla primavera e ai miei adorati muscari. Lo schema è un free di Luli.

Per oggi è tutto, alla prossima e … Buona Pasqua!!!

 

Annunci

Read Full Post »

La Primavera ormai è alle porte. I fiorellini infatti cominciano a sbocciare, le giornate sono più lunghe, anche se ancora freddine…

 WP_20160222_13_08_05_Pro

WP_20160223_16_50_34_Pro

E il mio pensiero già vola all’estate, con un ricamo pieno di colore di Little House Needleworks, “Sunflower Inn”:

WP_20160229_12_50_59_Pro

Mi sto appassionando ad un nuovo hobby, stavolta che nulla ha a che vedere con ricamo e cucito: l’acquariofilia! Ho trovato un’acquario in offerta in un centro commerciale perché volevo dare una casa più “degna”, almeno temporaneamente, ai pesci rossi di mio figlio (che quando cresceranno, andranno nella vasca in giardino), da qui mi sono documentata per attestirlo e farlo funzionare correttamente ed ho scoperto un mondo… !

Ecco il mio acquario:

WP_20160227_15_05_05_Pro

Tra un mesetto, arriveranno anche i pesciolini… per ora mi accontento di varie minuscole lumachine, con cui gioco a “trova la lumachina”!! 🙂

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Rose

Le rose sono il mio fiore preferito e in questo periodo cominciano a dare il meglio… io adoro soprattutto quelle inglesi di David Austin: ne coltivo alcune con grande soddisfazione. Coltivo vari tipi di fiori ma non c’è confronto: è la rosa la vera regina del giardino!

3155

 

3150

3152

3154

 

Ed è a loro che dedico questo ricamo…

3146

3147

così potranno “fiorire” in casa per tutto l’anno 🙂

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Girando per il web mi sono imbattuta in interessanti proposte per l’arredo degli spazi esterni riciclando i pallet (o bancali) in legno, così me ne sono subito procurata uno e, con pochi euro di vernice e qualche piantina, l’ho trasformato così:

3099

3097

Basta una vernice spray e anche lattine e vecchie pentole possono trasformarsi in utili vasi…

3103

3101

Vi mostro poi con soddisfazione i primi dolci e la prima buonissima pizza preparati con il lievito madre che ho fatto in casa… Lievitazione e morbidezza perfette, anche il giorno dopo!
Le mie cure quasi quotidiane cominciano a dare i loro frutti! 🙂

3111

3121  3115

La ricetta di questa bellissima e buonissima pizza è tratta dal blog Profumo di Lievito e la potete trovare qui.

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Aprile ci ha già regalato delle giornate splendide ed io ne approfitto per godermi il giardino in tutto il suo splendore. Mancano solo le mie amate rose e l’incanto sarà perfetto.

3065

3067 3060

C’è già un bel caldino, ma per il fresco della mattina e della sera il mio nuovo piccolo scialle è perfetto…
Si tratta di “Zucca shawl”, un progetto free di Emma Fassio.

3078

3082

E per festeggiare l’arrivo delle belle giornate che cosa c’è di meglio di una bella crostata?

3085

 

3088

Questa è con mele, la mia marmellata di mele e cannella e violette glassate del mio giardino.

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Marzo è arrivato e con esso un po’ di giornate soleggiate (per fortuna, dopo tutti i weekend nevosi di Febbraio…). Si ricominciano i lavori in giardino e le prime semine nell’orto. In questi giorni mi sto dedicando ad un’attività sana, utile e soprattutto dimagrante (anche se non proprio molto femminile)… vangare!!! 🙂 🙂 🙂 Non vedo l’ora che sia tutto pronto!

Per forza di cose il tempo da dedicare ai miei hobby preferiti si è drasticamente ridotto, ma ho comunque qualcosa da farvi vedere:

2987

si tratta di “A Stitcher’s Prayer” di Little House Needleworks, un ricamo dedicato al mio hobby preferito 🙂

2989  2988

Pensando alla primavera e al giardinaggio ho poi realizzato questi “quadretti”utilizzando delle stoffe che avevo in casa…

3015

3017

3018

E ora vi mostro il primo crocus fiorito nel mio giardino:

3010

 

tutti gli anni è sempre il primo a fiorire e ad annunciarci l’imminente primavera.

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Adoro i bucaneve: sono i primi fiori che annunciano la primavera, sembrano così delicati eppure sfidano il gelo dei mesi di gennaio e febbraio…

2962

 

2963

a loro ho dedicato questo cuscinetto:

2972

 

lo schema dei bucaneve è di Luli e la lettera è tratta dal libro Ouvrages de Dames di Véronique Maillard.

 

2976

… poteva mancare un ciondolo a tema? 🙂

2843

Vi lascio anche una bellissima Fiaba di Hans Christian Andersen

Il Bucaneve

Era inverno, l’aria era fredda, il vento tagliente, ma in casa si stava bene e faceva caldo; e il fiore stava in casa, nel suo bulbo sotto la terra e sotto la neve.

Un giorno cadde la pioggia, le gocce penetrarono oltre la coltre di neve fino alla terra, toccarono il bulbo del fiore, gli annunciarono il mondo luminoso di sopra; presto il raggio di sole, sottile e penetrante, passò attraverso la neve fino al bulbo e busso. “Avanti!” disse il fiore. Non posso” rispose il raggio “non sono abbastanza forte per aprire, diventerò più forte in estate.” “Quando verrà l’estate?” chiese il fiore, e lo chiese di nuovo ogni volta che un raggio di sole arrivava laggiù. Ma c’era ancora tanto tempo prima dell’estate, la neve era ancora lì e ogni notte l’acqua gelava. “Quanto dura!” disse il fiore. “Io mi sento solleticare, devo stendermi, allungarmi, aprirmi, devo uscire! Voglio dire buongiorno all’estate; sarà un tempo meraviglioso!” Il fiore si allungò e si stirò contro la scorza sottile che l’acqua aveva ammorbidito, la neve e la terra avevano riscaldato, il raggio di sole aveva punzecchiato; così sotto la neve spuntò una gemma verde chiaro, su uno stelo verde, con foglioline grosse che sembravano volerla proteggere. La neve era fredda, ma tutta illuminata, e era così facile attraversarla, e sopraggiunse un raggio di sole che aveva più forza di prima. “Benvenuto, benvenuto!” cantavano e risuonavano tutti i raggi, e il fiore si sollevò oltre la neve nel mondo luminoso. I raggi lo accarezzarono e lo baciarono, così si aprì tutto, bianco come la neve e adorno di striscioline verdi. Piegava il capo per la gioia e l’umiltà. “Bel fiore” cantavano i raggi “come sei fresco e puro! Tu sei il primo, l’unico, sei il nostro amore. Tu annunci l’estate, la bella estate in campagna e nelle città. Tutta la neve si scioglierà; i freddi venti se ne andranno. Noi domineremo. Tutto rinverdirà, e tu avrai compagnia, il lillà, il glicine e alla fine le rose; ma tu sei il primo, così delicato e puro!” Era proprio divertente. Era come se l’aria cantasse e risuonasse, come se i raggi di sole penetrassero nei suoi petali e nel suo stelo, lui era lì, così sottile e delicato e facile a spezzarsi, eppure così forte, nella sua giovanile bellezza; era lì in mantello bianco e nastri verdi, e lodava l’estate. Ma c’era ancora tempo prima dell’estate; nuvole nascosero il sole, e venti taglienti soffiarono sul fiorellino. “Sei arrivato troppo presto!” dissero il vento e l’aria. “Noi abbiamo ancora il potere, dovrai adattarti! Saresti dovuto rimanere chiuso in casa, non dovevi correre fuori per farti ammirare, non è ancora tempo.” C’era un freddo pungente! I giorni che vennero non portarono un solo raggio di sole, c’era un tale freddo che ci si poteva spezzare, soprattutto un fiorellino così delicato. Ma in lui c’era molta più forza di quanto lui stesso sospettasse, era la forza della gioia e della fede per l’estate che doveva giungere, che gli era stata annunciata da una profonda nostalgia e confermata dalla calda luce del sole; quindi resistette con la sua speranza, nel suo abito bianco sulla bianca neve, piegando il capo quando i fiocchi cadevano pesanti e fitti, quando i venti gelati soffiavano su di lui. “Ti spezzerai!” gli dicevano. “Appassirai, gelerai! Perché hai voluto uscire? perché non sei rimasto chiuso in casa? Il raggio di sole ti ha ingannato. E adesso ti sta bene, fiorellino che hai voluto bucare la neve!” “Bucaneve!” ripeté quello nel freddo mattino. “Bucaneve!” gridarono alcuni bambini che erano giunti nel giardino “ce n’è uno, così grazioso, così carino, è il primo, l’unico!”

Quelle parole fecero bene al fiore, erano come caldi raggi di sole. Il fiore, preso dalla sua gioia, non si accorse neppure d’essere stato colto; si trovò nella mano di un bambino, venne baciato dalle labbra di un bambino, poi fu portato in una stanza riscaldata, osservato da occhi affettuosi, e messo nell’acqua: era così rinfrescante, così ristoratrice, e il fiore credette improvvisamente d’essere entrato nell’estate. La fanciulla della casa, una ragazza graziosa che era già stata cresimata, aveva un caro amico che pure era stato cresimato e che ora studiava per trovarsi una sistemazione. “Sarà lui il mio fiorellino beffato dall’estate!” esclamò la fanciulla, prese quel fiore sottile e lo mise in un foglio di carta profumato su cui erano scritti dei versi, versi su un fiore che cominciavano con «fiorellino beffato dall’estate» e terminavano con «beffato dall’estate». «Caro amico, beffato dall’estate!» Lei lo aveva beffato d’estate. Tutto questo fu scritto in versi e spedito come una lettera; il fiore era là dentro e c’era proprio buio intorno a lui, buio come quando era nel bulbo. Il fiore viaggiò, si trovò nei sacco della posta, venne schiacciato, premuto; non era affatto piacevole, ma finì.

Il viaggio terminò, la lettera fu aperta e letta dal caro amico lui era molto contento, baciò il fiore che fu messo insieme ai versi in un cassetto, insieme a tante altre belle lettere che però non avevano un fiore; lui era il primo, l’unico, proprio come i raggi del sole lo avevano chiamato: com’era bello pensarlo! Ebbe la possibilità di pensarlo a lungo, e pensò mentre l’estate finiva, e poi finiva il lungo inverno, e venne estate di nuovo, e allora fu tirato fuori. Ma il giovane non era affatto felice; afferrò i fogli con violenza, gettò via i versi, e il fiore cadde sul pavimento, piatto e appassito; non per questo doveva essere gettato sul pavimento! Comunque meglio lì che nel fuoco, dove tutti i versi e le lettere finirono. Cosa era successo? Quello che succede spesso. Il fiore lo aveva beffato, ma quello era uno scherzo; la fanciulla lo aveva beffato, e quello non era uno scherzo; lei si era trovato un altro amico nel mezzo dell’estate. Al mattino il sole brillò su quel piccolo bucaneve schiacciato che sembrava dipinto sul pavimento. La ragazza che faceva le pulizie lo raccolse e lo mise in uno dei libri appoggiati sul tavolo, perché credeva ne fosse caduto mentre lei faceva le pulizie e metteva in ordine. Il fiore si trovò di nuovo tra versi stampati, e questi sono più distinti di quelli scritti a mano, per lo meno costano di più.

Così passarono gli anni e il libro rimase nello scaffale; poi venne preso, aperto e letto; era un bel libro: erano versi e canti del poeta danese Ambrosius Stub, che vale certo la pena di conoscere. L’uomo che leggeva quel libro girò la pagina. “Oh, c’è un fiore!” esclamò “un bucaneve! È stato messo qui certamente con un preciso significato; povero Ambrosius Stub! Anche lui era un fiore beffato, una vittima della poesia. Era giunto troppo in anticipo sul suo tempo, per questo subì tempeste e venti pungenti, passò da un signore della Fionia all’altro, come un fiore in un vaso d’acqua, come un fiore in una lettera di versi! Fiorellino, beffato dall’estate, zimbello dell’inverno, vittima di scherzi e di giochi, eppure il primo, l’unico poeta danese pieno di gioventù. Ora sei un segnalibro, piccolo bucaneve! Certo non sei stato messo qui a caso!” Così il bucaneve fu rimesso nel libro e si sentì onorato e felice sapendo di essere il segnalibro di quel meraviglioso libro di canti e apprendendo che chi per primo aveva cantato e scritto di lui, era pure stato un bucaneve, beffato dall’estate e vittima dell’inverno. Il fiore capì naturalmente tutto a modo suo, proprio come anche noi capiamo le cose a modo nostro.

Questa è la fiaba del bucaneve.

snowdrop

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Older Posts »