Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘halloween’ Category

Una delle cose che, pur passando gli anni, mio figlio ed io non abbiamo mai smesso di fare è di decorare la nostra casa a tema. Ecco come l’abbiamo “addobbata” per l’autunno, con i lavori fatti negli anni:

Il camino…

Angoli del soggiorno

L’albero dell’autunno

La porta d’ingresso.

Ecco il nuovo arrivato, finalmente mi sono “sbloccata” 🙂

Lo schema, molto veloce da ricamare, è un free di “Il Cassetto dei bottoni”, https://ilcassettodeibottoni.blogspot.com/, blog che ho scoperto per caso.
Ci sono molti schemi semplici ma d’effetto, ne ricamerò sicuramente altri.

E per finire, una bella torta di zucca cruda e gocce di cioccolato:

la ricetta l’ho presa al link qui sotto: è davvero buonissima e molto veloce perchĂ© si parte dalla zucca cruda. Io ne ho tantissime nel mio giardino, è tra le mie verdure preferite: la adoro perchĂ© è molto versatile in quanto si presta per preparazioni sia dolci che salate.

Torta di zucca e cioccolato

Forse dopo le nuvole, sta spuntando il sole anche nella mia vita lavorativa, ma vedremo se il mio progetto prenderà forma. Vi farò sapere.

Per oggi è tutto, alla prossima!

 

Read Full Post »

Anche quest’anno mi sono dedicata a qualche lavoretto per Halloween. Volevo fare di piĂą, ma da quando mio figlio va a scuola sono piĂą impegnata di prima e non ho piĂą tempo per fare niente…

Questo è un cuscinetto, molto carino da ricamare, lo schema è un free di La Comtesse & Le Point De Croix . 

2 3

1

Volevo poi realizzare qualche zucchetta all’uncinetto per il mio albero dell’autunno, ma per il momento sono riuscita a farne solo una… le sue “sorelle” arriveranno a breve!

wp_20161030_16_18_25_pro

Finiamo con qualche dolcetto: biscotti “spaventosi” e il tradizionale pane dei morti.

2226 2836

Per oggi è tutto, alla prossima! E… Happy Halloween!

Read Full Post »

La festa piĂą spaventosa ma anche divertente dell’anno è arrivata. E io non mi sono fatta trovare impreparata…

halloween2blog halloween_blog

halloween3_blog

Ho ricamato infatti questi schemi di Lizzie Kate e realizzato questa simpatica zucca di Elisabetta di Raccolto d’autunno, un progetto di qualche anno fa pubblicato su Casa Creativa.

halloween4_blog halloween5_blog

Non potevano poi mancare la classica lanterna…

halloween7_blog

e una torta a tema…

halloween6_blog

E allora… Happy Halloween!!!

halloween8_blog

P.S. Belle le mie calze, vero? Ora devo scappare, la mia scopa mi aspetta! 🙂

Read Full Post »

Happy Halloween!

Finalmente Halloween è arrivato, per la gioia del mio bambino che adora le zucche… ecco che cosa abbiamo fatto insieme:

2866

2867

la produzione è del mio giardino 🙂

Poteva mancare una torta a tema?

2865

E’ una crostata di zucca e cioccolato, veramente buonissima… ve la consiglio!
La ricetta, di Misya, si trova qui http://www.misya.info/2014/10/20/crostata-di-zucca.htm

Per concludere, un berretto di Emma Fassio, Sfumature hat, dal colore perfetto! 🙂

2858

Per oggi è tutto, alla prossima!

 

Read Full Post »

Halloween si sta avvicinando e io sono riuscita a completare il bellissimo schema di The Primitive Hare, “Spooky Countdown”:

2852   2846 2849

 

Per questa festa ho realizzato anche alcuni “accessori” da ricamo particolari…

2838

2840

2856

 

… grazie a Ilaria di Pensieri di Fata per la zucchetta e il cappellino in polymer clay.
Io per queste materiali modellabili sono veramente negata, invece lei è bravissima…
Visitate il suo blog per ammirare tante bellissime creazioni!

Per il nostro “angolo dei dolci” oggi vi propongo il mio pane dei morti, che modestamente è il piĂą buono che ci sia! 🙂
La ricetta è segretissima… 🙂 🙂 🙂

2836

Anche per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

UN PO’ DI STORIA…

Molti pensano ad Halloween come ad una festa americana, in realtà questa ricorrenza è legata al passato della maggior parte dei popoli europei. La nascita della festa viene fatta infatti risalire al 4000 a.C., ed è legata alla transumanza del bestiame. Nel periodo fra ottobre e novembre la terra si prepara all’inverno ed era necessario – allora come adesso – ricoverare il bestiame in un luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza. L’evento era festeggiato con canti e danze intorno al fuoco.

LA CELTICA SAMHAIN
I Celti, in particolare, festeggiavano la fine dell’estate con Samhain, il capodanno. In gaelico Samhain significa infatti fine dell’estate. In quest’occasione i celti accendevano numerosissimi falò, accompagnati da canti festosi e da rituali divinatori: il fuoco era in fatti considerato l’elemento purificatore per eccellenza: non solo in quanto dispensatore di luce e di calore, ma perchè catalizzatore di energie positive. Questo giorno – che cadeva il 1° Novembre, ma i festeggiamenti partivano dal 31 ottobre – segnava un confine tra due periodi dell’anno molto diversi (estate e inverno) e, nella concezione circolare del tempo caratteristica di questa cultura, non apparteneva né all’anno vecchio e neppure al nuovo: era come un “cancello” tra il mondo dei vivi e quello dei morti, così gli spiriti dei defunti potevano tornare nelle proprie case per scaldarsi e rifocillarsi. Si era soliti lasciare per loro del cibo sulla tavola in segno di accoglienza per quanti facessero visita ai vivi: da qui l’usanza del trick-or-treating, “dolcetto o scherzetto”. Riti propiziatori per il nuovo anno, culto dei morti e credenze magiche si fondevano insieme nella celebrazione in una notte che non aveva nulla di pauroso, anzi: era la più lunga e gioiosa dell’anno, una festa di pace e amicizia. Il cristianesimo tentò di incorporare le vecchie festività pagane dando loro una connotazione compatibile con il suo messaggio. Il 13 maggio 610 Papa Bonifacio IV istituì la festa di tutti i santi: nella festa, celebrata ogni anno in quello stesso giorno, venivano onorati i cristiani uccisi in nome della fede. Per oltre due secoli le due festività procedettero affiancate, sino a che papa Gregorio III, nel 731, ne fece coincidere le date. Secondo altre fonti, fu invece Sant’Odilone di Cluny che nel 1048 decise di spostare la celebrazione cattolica all’inizio di novembre al fine di detronizzare il culto di Samhain. L’Ognissanti fu spostata così dal 13 maggio al 1 novembre per dare ai cristiani l’opportunità di ricordare tutti i santi e, il giorno dopo, tutti i cristiani defunti. Il termine inglese “Halloween” deriva infatti da “All Hallows” cioè “tutti i santi”. Diventa poi “All Hallows Eve”, cioè la vigilia di Ognissanti, ed infine “Halloween”.

halloween_facebook

L’ITALIA
Queste usanze e credenze ci diffusero anche nel nord Italia, con la dominazione celtica, ma con l’avvento del cristianesimo esse furono dimenticate. In questi ultimi la festa di Halloween sembra aver preso piede anche in Italia e si crede “importata” dall’America (in cui, importata dagli immigrati europei, prese la connotazione di “notte degli scherzi” o “notte del diavolo” ed è diventata oggi un affare commerciale): ma la complessa ritualità legata ai morti era un tempo tradizione ben viva nelle nostre campagne. L’uso di zucche (“Jack-o-lantern”, la zucca svuotata e tagliata come una faccia malvagia con una candela all’interno, il simbolo di Halloween più conosciuto) contro gli spiriti maligni è tipicamente americana, ma l’uso di rape vuote illuminate è documentato in alcune località del Piemonte, della Campania, del Friuli, dell’Emilia-Romagna e dell’alto Lazio. Nelle case di tutto l’arco alpino si era soliti attendere l’arrivo dei defunti intorno ad un lauto banchetto. Proprio come facevano i Celti. In Italia quindi, parlare di Halloween significa attuare una riscoperta!

E come festeggiare degnamente questo giorno se non son qualche dolcetto?

Ecco qui i miei cupcake alla zucca aromatica:

2221 2222

… sono buonissimi!!!!

2223

2225

E questi sono i miei biscottini speziati…

2226

Anche per oggi è tutto, vado ad accendere la mia zucca… 🙂 Happy Halloween!

Read Full Post »

Oggi è il 15 del mese, quindi è il giorno dedicato al  “RISS”, ovvero “Ricamiamo Insieme Senza Stress“!

riss

Partecipano con me:

Alessandra, Carlotta,   Isabella,  Paola,  Claudia,

Anna, Marina, Tina, Donatella,  Denise, Sonia,

Milena,  Daniela, Raffaella , Elena , Iulia, Federica , Michela,

Manuela, Mimma, Luisa, Anna Rita

Barbara, Cristina,  Igea, Emanuela e Cristina A. che non hanno blog.

Questo appuntamento è dedicato ad Halloween, ecco che cosa ho realizzato:

2206

Si tratta di “A Pumpkin of my own”, schema di The Sampler Girl.

2207

Ho poi realizzato una carinissima borsetta, lo schema è di Pineberry Lane, Fancey’s Sunflowers.

2208

All’interno mi piace mettere bacche, foglie e altri doni del bosco raccolti durante le passeggiate con il mio bimbo.

A2211

2213

Adesso vi mostro invece il lavoro di Cristina A. , un regalo per due giovani sposi:

10-08 Salviette per matrimonio Paolo e Sara

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Happy Halloween!

Buon Halloween a tutti!

SarĂ  una notte di… biscottini…

e zucche intagliate…

per festeggiare in famiglia!

Happy Halloween!

Read Full Post »

Halloween è ormai alle porte e in casa mia fervono i preparativi. Ecco le mie ultime creazioni dedicate alla festa piĂą paurosa dell’anno e, piĂą in generale, all’autunno.

Questo è un cuscinetto ricamato su schema free di Maryse:

Qui invece ci sono due esperimenti di Painted Stitchery. Sono progetti di Elisabetta, di cui il primo è tratto da Casa Creativa di Ottobre e il secondo l’ho acquistato direttamente sul suo blog:

La prima attivitĂ  creativa in assoluto della mia vita è stata il disegno… me ne stavo ore e ore rinchiusa disegnando nella mia cameretta ed ero felice. Mi è piaciuto moltissimo riprendere in mano le amate e ahimè trascurate matite colorate per dipingere queste simpatiche zucchette…

Poteva mancare un puntaspilli a tema per i miei lavori di cucito? Eh no, infatti eccolo qui:

Per finire, ecco il progetto del mese con cui partecipo ai due SAL “Insieme per Natale… tutto l’anno” e  “Le point de Croix au fil des saison”. E’ uno schema della bravissima Isabella di The Primitive Hare.

Mancano solo 2 mesi a Natale… grazie a queste iniziative quest’anno il mio albero sarĂ  bellissimo!

Anche per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Eccomi qui con le prime creazioni autunnali, aspettando la festa di Halloween.

Prima di tutto un cuscinetto di Pineberry Lane, “Fancy Blackett and the Butter Churn”, in bella mostra sulla mia produzione di zucche che attendono di essere intagliate per Halloween.

Dopo le zucche vere, qualche zucchetta di stoffa. Mi sono ispirata alle creazioni di Elisabetta presentate su Casa Creativa di Ottobre. Prossimamente vi presenterò altri suoi lavori, è davvero bravissima!

E per finire il lavoro che mi ha dato piĂą soddisfazione, è “Ichabod Crane” di The Primitive Hare, tratto dal libro “Le point de Croix au fil des saison” con cui partecipo alla seconda tappa del Sal “Le point de croix au fil des saisons” . Mi è piaciuto tantissimo ricamarlo, come tutti i lavori di Argante del resto! Per questa tappa ho realizzato anche alcuni schemi autunnali di Madame Chantilly, ma ve li mostrerò quando farò il post dedicato allo Swap Autunno.

Ecco che cosa ho trovato in rete su Ichabod Crane:

La leggenda della valle addormentata, anche conosciuta come La leggenda di Sleepy Hollow, è un racconto dello scrittore americano Washington Irving contenuta in The Sketch Book of Geoffrey Crayon, Gent  scritta a Birmingham in Inghilterra e pubblicata per la prima volta nel 1819.

La storia si svolge all’incirca nel 1787 nella colonia olandese di Tarrytown (nel 1997 North Tarrytown è stata ribattezzata Sleepy Hollow, Contea di Westchester, New York, Stati Uniti) presso una valle isolata chiamata Sleepy Hollow o Valle addormentata.

Racconta la storia di Ichabod Crane, uno strano maestro di scuola del Connecticut, deriso da Abraham “Brom Bones” Van Brunt, suo rivale in amore per la mano di Kathrina Van Tassel, 18 anni, figlia di Baltus Van Tassel, un colono di origine olandese.

Nella storia si inserisce la leggenda del “cavaliere senza testa”, il fantasma di un cavaliere dell’Assia che perse la testa per via di un colpo di cannone durante “una qualche battaglia senza nome” nella Guerra d’indipendenza statunitense e che cavalca durante la notte nella bramosa ricerca di una testa nei pressi della chiesa olandese e del cimitero della Valle addormentata.

Crane, invitato alla festa di Kathrina, ascolta dei racconti horror, fra cui quello sopracitato, e, al ritorno, perduta la sella, si ritrova inseguito dal cavaliere decapitato, che lo colpisce al capo con la sua testa. Ma al mattino, i soccorritori trovano solo il berretto di Crane e una zucca (presumibilmente la “testa”). Crane sparisce “misteriosamente” da quel momento. Un suo conoscente, anni dopo, riferirĂ  di averlo incontrato a New York, ricco e famoso per dei successi politico-professionali. Il finale lascia trapelare un coinvolgimento di Brom Bones nell’affare del cavaliere decapitato e della fuga-sparizione di Crane, che però potrebbe essersi allontanato semplicemente per non dover rendere conto al suo padrone della sella perduta.

Per oggi è tutto, alla prossima!

Read Full Post »

Older Posts »